DIY,  Natale

Le candele dell’Avvento

La prima domenica di Avvento – il 29 novembre – si avvicina e per me è proprio in questo momento che comincia la magica attesa del Natale: inizio ad addobbare la casa e a preparare le candele dell’Avvento.

PhotoGrid_1448208236988PhotoGrid_1448208068810

PhotoGrid_1448227832716

Le Candele dell’Avvento (o Corona dell’Avvento ) sono una tradizione natalizia tipica soprattutto dei paesi di cultura anglosassone e germanica. 
Le quattro candele rappresentano le quattro domeniche di Avvento. Ognuna di esse ha una denominazione ed un significato peculiari e legate ad origini religiose: la 
prima è detta “del Profeta”, poiché ricorda le profezie sulla venuta del Messia, la seconda “di Betlemme”, per ricordare la città in cui è nato il Signore, la terza è detta “dei pastori”, i primi che videro ed adorarono il Messia, la quarta invece è detta “degli Angeli”, i primi ad annunciarne al mondo la nascita. 
Secondo un’altra tradizione assai diffusa le quattro candele rappresentano la Speranza, la Pace, la Gioia e l’Amore ( questa spiegazione è stata tratta da qui dove vi rimando per ulteriori approfondimenti sull’argomento).

Date le origini ha quindi una funzione fondamentalmente religiosa: annunciare l’avvicinarsi del Natale,soprattutto ai bambini, e prepararsi ad esso attraverso la preghiera comune.

Le candele vanno accese una per settimana , il sabato sera o la domenica,quando la famiglia è riunita e ad opera del più piccolo di casa,a testimonianza della funzione rivolta anche e soprattutto ai bambini  .

Durante le settimane le candele potranno essere accese quando la famiglia è riunita, a tavola o per la preghiera, o quando vi saranno ospiti (1 la prima settimana, 2 la seconda settimana e così via).

PhotoGrid_1448207764076

Queste candele ( la cui idea è stata tratta da questo sito ) sono facilissime da realizzare : vi basterà avere un cartoncino , un pò di spago ed eleganti nastrini. Potranno abbellire un angolo della vostra casa o essere utilizzate come centrotavola durante il periodo delle feste o per Natale , quando saranno finalmente tutte e 4 accese. 🙂

Io la trovo una tradizione terribilmente dolce e romantica, e voi?

PhotoGrid_1448208143091

Occorrente:

  • Candele bianche, di dimensioni uguali o diverse
  • nastrini ,preferibilmente in juta o in pizzo
  • spago
  • cartoncino
  • pennarello a punta sottile di colore nero
  • forbice
  • 1 foratrice (la mia a forma di stella)
  • stampini per tartellette (facoltativi)
  • piccole pigne o bacche (facoltative)

PhotoGrid_1448208197616

Tagliare quattro quadratini di cartoncino (le dimensioni dipenderanno da quelle delle candele).
Scrivervi sopra i numeri da 1 a 4 e bucherellarli nei due punti laterali dove farete passare lo spago.
Tagliare i nastri in modo da ricoprire interamente la candela e fermarli con lo spago (non scordatevi in questa fase di far passare lo spago dai buchi del cartoncino).
Chiudere con un fiocco, riporre la candela dentro uno stampo per tartellette e decorare con bacche o pigne.

PhotoGrid_1448207905645
Potete anche fare a meno degli stampi per crostatine e metterle tutte in una base di legno o in ceramica bianca (per un effetto più elegante) o in un vassoio shabby chic come questo dolcissimo realizzato da Cristina  e decorarle come più vi piace , secondo i vostri gusti.

2015-11-20 08.48.20

 

PhotoGrid_1448207847222

Natale….io sono pronta….
Serena

6 commenti

  • Laura

    Ma dai! Non conoscevo questa tradizione, ma mi piace tantissimo. All’Ikea vendono un set di 4 candele rosse di altezza/formato diversi: forse si riferiscono a questa tradizione, visto che è di origine nordica.
    Quest’anno accenderò anch’io le mie candele! Grazie Serena, a domani.

    • petitpatisserieblog

      Si Laura ogni hanno l’Ikea (che nasce proprio nel nord Europa) fa le 4 candele con i numeri da 1 a 4 proprio per onorare questa tradizione. 🙂 Quest’anno per la prima volta sono un poco diverse e con dei bei disegni col rosso.
      Sono felice di avertela fatta conoscere, baci e a domani 😉

    • petitpatisserieblog

      Non puoi capire quanto mi rendano felice le tue parole!! Sia perchè ti ho fatto conoscere una tradizione che amo sia perchè le realizzerai!!
      Se ti va mandami una foto 🙂
      Grazie a te
      Serena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.